Sterile dibattito attorno a Miss Italia

La satira attorno alla gaffe della neo-eletta più bella d’Italia ci sta, ma la “polemica” fatta da coloro che seriamente hanno commentato l’accaduto è uno sterile dibattito. Non ha vinto la cattedra in una università, ma un concorso di bellezza.

Molte delle persone che se la prendono con Miss Italia perchè non è una professoressa di storia sono le stesse che per anni hanno votato la Carfagna, la Santanché, la Picierno (noti esempi di somma cultura).
Probabilmente gli stessi “giudici” della ragazza non sanno quando è iniziata e quando è finita la seconda guerra mondiale; ne sanno quanti sono i principi fondamentali della Costituzione; anzi, probabilmente devono ancora capire la differenza tra Presidente della Repubblica e Presidente del CdM.
Ma di cosa ci stupiamo, se alla domanda “Quale astro gravita intorno alla terra?” molti rispondono “il Sole”.
Per me non c’è alcuna differenza tra Miss Italia e tutte queste altre persone, che condannando e sbeffeggiando la Miss possono momentaneamente esporre la loro superiorità. Alla fine la dimostrazione che tutti questi grandi “dottori” siano degli impostori di egual ignoranza è solo rimandata.

Dopotutto il massimo del dibattito culturale a cui siete abituati sono le gaffe di Miss Italia o quelle di Luca Giurato, non passate certo il tempo a discutere delle scoperte del CERN o della NASA (anzi per molti di voi la ricerca spaziale è puro sperpero di denaro).

Tutti avete egual diritto di voto, sia voi che la Miss. E per me non c’è più palese dimostrazione di come la democrazia liberale sia nei fatti un fallimento.
Ricordate che i dotti raramente si ergono a inquisitori nei confronti di una persona. Il linciaggio di massa, miei cari, è lo sport preferito dal volgo analfabeta. Chi ne fa parte risponde solamente ad un istinto, ad un comportamento sociale, che vi permette di dire “io ci sono, e non sono messo come quella li”, per marcare una posizione, uno status, che la vostra misera mente non vi permetterebbe di raggiungere se non prendendo le distanze da chi ha giocato male le sue carte, e pubblicamente ha dimostrato di essere imbecille.

Ma che v’importa di giudicare, tanto se uno è uno stupido gli basta aprir bocca e subito te ne accorgi. Il discorso che ho fatto si può riassumere nelle parole di Confucio: «Quando incontri un uomo virtuoso pensa ad emularlo; quando incontri un uomo privo di valore, ripensa a te stesso e fatti l’esame di coscienza». A me pare che, più che farvi un esame di coscienza, abbiate voluto sottolineare: “io sono migliore di lei!”.

Alberto Fossadri

POTREBBERO INTERESSARTI
-L’ipocrisia ai tempi di Miss Italia

OCSE: il 30% degli italiani sono ANALFABETI FUNZIONALI
-L’Unità, Renzi, i debiti della Grecia e il festival dell’IPOCRISIA
I have a dream

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...