John William Cooke il rivoluzionario peronista

Di Nando de Angelis

Guevara e Cooke

Il 19 settembre 1968, vittima di un cancro, muore a soli 48 anni John William Cooke. Nato a La Plata il 14 novembre 1919, milita nella “Unión Universitaria Intransigente” negli anni dei suoi studi all’Università di La Plata. Si laurea in legge nel 1943 ed è eletto deputato per il peronismo, all’età di 25 anni, per il periodo 1946-1952. Negli anni del governo nazionale è presidente delle “Comisiones de Asuntos Constitucionales”, della “Redacción del Código Aeronáutico”, della “Protección de los Derechos Intelectuales” e professore di economia politica presso la Facoltà di Giurisprudenza e Scienze Sociali dell’Università di Buenos Aires tra il 1946 e il 1955.

Dopo il golpe militare del 1955 che defenestrò Juan Domingo Perón, partecipa attivamente all’organizzazione di vari gruppi protagonisti della “resistenza peronista” soffrendo prigionia e esilio. Perón lo designa ufficialmente come suo delegato e unico successore alla guida del Movimento Peronista, in caso di morte. Nel 1957 a Caracas incontra Rogelio Frigerio, uomo di Arturo Frondizi della “Unión Cívica Radical Intransigente”, e getta le basi per l’alleanza Peron – Frondizi. Nel gennaio 1958, Cooke si trasferisce a Montevideo, in Uruguay, per vivere più da vicino alla sua Argentina il processo elettorale che si conclude il 23 febbraio con il trionfo della formula del Fronte nacional y popular Frondizi-Gomez.
Ma la gioia del trionfo dura poco, una volta al potere Frondizi, eletto presidente, tradisce il patto e vanifica le speranze di Cooke di riportare il “generale” in Patria. Negli ultimi anni della sua vita viaggia spesso a Cuba, incontra il “Che” e radicalizza le sue posizioni rivoluzionarie aderendo alla lotta armata per la liberazione dei popoli dell’America Latina.
“Bebe”, così lo chiamavano i suoi compagni di lotta, è il punto d’incontro fra peronismo e castrismo e rappresenta la migliore commistione fra l’esperienza socialista nazionale di Peron e le spinte rivoluzionarie cubane. Una tradizione, quella dell’antimperialismo latino americano, che ha visto fra i suoi protagonisti eminenti figure di militanti politici del peronismo rivoluzionario quali Rodolfo Walsh, Ricardo Masetti e l’ex falangista spagnolo, poi militante giustizialista, Emilio Javier Iglesias.
John William Cooke, senza alcun dubbio, è una delle personalità più di spicco degli intellettuali della sinistra peronista. Muore lasciando un vuoto enorme e un’eredità importante all’interno del movimento giustizialista.

Potrebbero interessarti:
Peronismo (o Giustizialismo)
Strategia della Tensione e False Flag

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...