Lega Nord – Massoneria – Mafia

“[…] permetta ed autorizzi previamente l’accompagnamento coattivo dell’Onorevole Bossi Umberto perchè egli venga portato al cospetto di questa Autorità Giudiziaria”

Questa è parte della lettera di richiesta inviata il 21 agosto 1996 al Presidente della Camera dei Deputati da parte della Procura di Aosta, dato che Bossi non intendeva apparire né di fronte alla Procura di Aosta, né di fronte a quella di Brescia. Il motivo per cui venne convocato ad interrogatorio fu nell’ambito di un’ indagine dei PM di Brescia che parlava di un incontro segreto avvenuto presso un hotel di Roma nel 1994 durante l’ingresso al governo con Berlusconi. A tale incontro erano presenti Roberto Maroni, Umberto Bossi, Vincenzo Parisi (allora capo della Polizia di Stato), Enzo De Chiara e Gianmario Ferramonti.

Dato che tra le ipotesi di reato descritte nella lettera vi furono associazione a delinquere, riciclaggio di beni e delitto di associazione segreta, è opportuno specificare chi sono gli ultimi due elementi citati poco fa.

Enzo De Chiara, amico di lunga data di Parisi, è un importante lobbista che si muove tra gli Stati Uniti e l’Italia. Ha contatti tra i vertici della politica repubblicana più reazionaria, è segnalato dalla magistratura come emissario della Cia, in passato ha lavorato vicino a Michele Sindona e a Licio Gelli, e riceve incarichi di consulenza per grandi aziende quali la Stet, l’Efim e l’Aermacchi di Varese. È interessato alla Lega sin dalla fine degli anni Ottanta.

Gianmario Ferramonti invece, oltre ad attribuirsi il merito dell’alleanza tra Forza Italia e An con la Lega, è un faccendiere collegato con i Servizi Segreti italiani e americani, risulterebbe un “consulente” della Casa Bianca ed avrebbe forti legami con la Massoneria di Piazza del Gesù, in particolare con Iginio di Mambro e quindi con gli ambienti massonici siciliani. E’ stato anche collaboratore di Gianfranco Miglio (ideologo della Lega Nord) e talmente di conto per il partito da amministrare la Pontida Fin (società finanziaria della Lega Nord). Il 24 aprile 1996 viene travolto dallo scandalo Phoney Money, per il quale viene arrestato su ordine della Procura di Aosta insieme ad altre 17 persone. Ferramonti ed altri sono accusati di avere organizzato una grossa truffa con titoli falsi o rubati, coinvolgendo grandi banche internazionali. Il caso si conclude nel 2005 con un’archiviazione.

Secondo le dichiarazioni stesse di Bossi, Maroni e Ferramonti, nell’incontro i due faccendieri erano venuti a proporre alla Lega il posto al Ministero della Difesa in rinuncia di quello degli Interni. In cambio del baratto Interni-Difesa, alla Lega vengono offerte le commesse da parte della fabbrica di armi Oto Melara e dell’Aermacchi (fatto, questo, contestato ai giudici da Ferramonti nel corso di un interrogatorio). Una proposta che la Lega rifiuta, essendo determinata a non rinunciare alla poltrona del Viminale. Verrebbe discusso anche il posto a capo della polizia del presente Parisi. Insomma, vengono messe in trattativa importanti istituzioni con individui legati a centri di potere non del tutto democratici.

Ma apriamo ora un altro inquietante scenario: Perchè la Massoneria si dovrebbe interessare alla Lega?
Secondo un’informativa della Direzione investigativa antimafia (Dia), i registi del progetto federalista/separatista/autonomista da realizzarsi attraverso la nascita nel centro-sud di uno sciame di formazioni leghiste, sono Licio Gelli (Venerabile Gran Maestro della Loggia P2) e Stefano delle Chiaie (Noto protagonista del terrorismo neo-fascista).

Nel Procedimento d’Archiviazione nei Confronti di Licio Gelli, stilato dalla DDA della Procura di Palermo, vi sono rinchiuse importantissime dichiarazioni di pentiti della Mafia depositate in momenti “non sospetti” e dunque dichiarate attendibili. Di notevole importanza sono le deposizioni di Leonardo Messina, un mafioso che iniziò a collaborare con Paolo Borsellino, fino a che quest’ultimo non venne ucciso nel ’92 (proprio perchè di intralcio nelle trattative tra la Mafia e le nuove forze politiche nate a seguito dello scandalo Tangentopoli).
Egli illustra un piano della Massoneria (non solo Italiana) per “far diventare” Stato l’organizzazione Cosa Nostra. Un progetto politico finalizzato ad un indipendente Stato del Sud in una separazione dell’Italia in 3 stati sarebbe anche stato discusso nella famosa riunione di Ennanell’agosto del 1991 incui partecipò tutta la cupola, Riina e Provenzano compresi (questa rivelazione è stata esposta a Borsellino in persona). Dice inoltre che sarebbero stati stanziati da organizzazioni massoniche 1.000 MLD di Lire. Spiegò che per Cosa Nostra, Bossi era un “pupo” che faceva comodo, perchè sarebbero nate delle Leghe del Sud, che all’opinione pubblica sarebbero state vendute come opposizioni spontanee al fenomeno padano, ma che in realtà servivano gli interessi della Mafia… Ed in effetti sappiamo che questo accadde e che le leghe del sud nacquero da ambienti legati alla massoneria e a Cosa Nostra.

Avanguardia Nazionale, il movimento di Delle Chiaie

Simbolo di Avanguardia Nazionale: il movimento di Stefano Delle Chiaie

Vediamo assieme la nascita della Lega Meridionale: è il 1989, fondatori: l’avvocato Egidio Lanari, difensore del boss mafioso Michele Greco, di cui propone la candidatura alle successive elezioni politiche – insieme ai nomi di Vito Ciancimino e Licio Gelli; e il Gran Maestro siciliano Giorgio Paternò. Nel giro di un anno (maggio del 1990), a pochi giorni di distanza, sorgono nell’ordine: la Lega Pugliese, la Lega Marchigiana, la Lega Molisana, la Lega degli Italiani e la Lega Sarda. Buona parte di questi neonati partiti politici ha sede presso lo studio dell’avvocato Menicacci, già sede della Intercontinental Export Company I.E.C, società di import-export di cui Menicacci è socio con il suo ‘cliente’ Stefano Delle Chiaie, fondatore di Avanguardia Nazionale, coinvolto nelle stragi degli anni ’70. Sono loro, insieme a un pregiudicato per reati comuni, Domenico Romeo, i fondatori di questa particolarissima galassia politica. In stretta alleanza con Licio Gelli.

Messina procede e rivela che dietro a questo progetto si troverebbero anche Andreotti (che chiederà l’appoggio alla Lega Nord per poter accedere alla carica di Presidente della Repubblica) e Miglio stesso.
Colpisce non poco un’intervista rilasciata da Miglio in cui dice:

“Io sono anche per il mantenimento della mafia e della ‘ndrangheta. Il sud deve darsi uno statuto poggiante sulla personalità del comando. Che cos’è la Mafia? Potere personale spinto fino al delitto. Io non voglio ridurre il meridione al modello europeo, sarebbe un’assurdità. […] bisogna partire dal concetto che alcune manifestazioni tipiche del sud hanno bisogno di essere costituzionalizzate.”

Insomma per Miglio la Mafia dev’esser legalizzata… Fa venire i brividi sapere che costui è il padre dell’ideologia dei lumbard.

Questa politica tesa a rendere alla mafia un ipotetico Stato del Sud spiegherebbe le bombe di Milano, Firenze e Roma esplose nel 1993 per mano mafiosa. Queste stragi sono le prime uccisioni sistematiche operate da Cosa Nostra in territori che di fatto non controlla. Gli episodi, definiti dalla magistratura “di origine mafiosa ma a sfondo eversivo”, erano parte di una strategia della tensione (simile a quella degli anni di piombo) volta a destabilizzare ulteriormente lo Stato, già in crisi per gli scandali politici di quegli anni, per accelerare l’operazione separatista di cui abbiamo parlato.

Andreotti e Gelli

Andreotti e Gelli

La strategia politica messa in atto da ambienti occulti spiegherebbe l’interesse della massoneria per la Lega Nord, e dunque l’appoggio che il ceto industriale ed aristocratico che essa ricevette. Nella storia non è mai accaduto che i ricchi si interessassero così vivamente degli interessi del popolo. Ponetevi questa domanda: quando mai un movimento nato dal popolo ottiene immediatamente il sostegno dei ceti elevati della società? Forse nel caso Lega questi potevano vantare un tornaconto?

Alla luce di questi fatti, e dei rapporti che il partito padano ha avuto con tali “eminenze grige”, impallidisce anche il recente scandalo che ha coinvolto il partito e gli ambienti della Regione Lombardia. Viene anche difficile credere alle parole di Maroni:”torniamo alla Lega di una volta”, dato che, proprio per quanto ho detto, la Lega è stata compromessa già prima di entrare ufficialmente in politica.

Con quest’articolo inchiesta non ho voluto attaccare la Lega Nord per ridurla alla sentenza di “peggior partito d’Italia”. No, ho solo voluto sottolineare che essa non differisce dagli altri partiti, non è meglio nè peggio di PDL o PD. Ho scritto per evitare a tanti miei concittadini l’illusione e la presa in giro. So che molti leggendo queste righe mi bolleranno subito come “sinistrorso”, ma non è così, non credo si possa più parlare di destra e sinistra nel mondo odierno. So che molti non vorranno credere a quanto riferito in quest’inchiesta, perchè ottusamente credono in una Lega che hanno costruito nella loro mente, ma che di fatto non esiste. Mi è stato detto che non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire. Io ho saputo apprendere e mettere in pratica queste parole, ora tocca a voi. Non seguite mai cinicamente qualcuno, solo perchè vi illude con vane parole. Compreso il sottoscritto.

Alberto Fossadri

Vedi anche:
– Quando FORZA ITALIA comprò la LEGA NORD per 2 miliardi di lire
– F-35 la LEGA NORD si astiene. Perchè?

riferimenti:
– proc. pen. 2566/98 DDA procura della repubblica di palermo
http://leg13.camera.it/_dati/leg13/lavori/documentiparlamentari/indiceetesti/iv/004/lettera.htm
http://leg13.camera.it/_dati/leg13/lavori/documentiparlamentari/indiceetesti/iv/004a/frontesp.htm
http://www.rivistapaginauno.it/Romanzo-mai-scritto-anni-novanta5.php
– libro “il Quarto Livello” (Torrealta)
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1996/10/07/il-piccolo-gelli-degli-anni-novanta.html

Annunci

One thought on “Lega Nord – Massoneria – Mafia

  1. complimenti stringato e ben informato.
    Ti suggerisco anche un’altro proverbio che calza a pennello a quel popolino: a lavare la testa all’asino si perde solo tempo e sapone. Perchè? perche sempre asino resta. ciao Albino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...